Termini e condizioni generali

1. Doreen Tomkowitz – www.deine-fotografin.de

Valgono sempre esclusivamente i nostri termini e condizioni generali. Condizioni contrastanti o divergenti non saranno riconosciute, a meno che non accettiamo espressamente tali disposizioni in singoli casi. L'esecuzione incondizionata dei contratti, anche a conoscenza di condizioni contrastanti o divergenti, non è consenso a questi. Anche in questo caso si applicano esclusivamente le nostre condizioni generali.

2. Legge applicabile

Tutti i rapporti giuridici e le presenti condizioni generali sono regolati esclusivamente dalla legge tedesca. È esclusa l'applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di merci dell'11 aprile 1988 (Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di merci, CISG).

3. Luogo d’adempimento e foro competente

Luogo d’adempimento è Bad Kreuznach. Il foro competente per tutte le controversie tra le parti è, se l'acquirente è un commerciante, persone giuridiche di diritto pubblico o un fondo speciale di diritto pubblico, Bad Kreuznach.

4. Diritti dell'Acquirente; Garanzia; Restrizioni

Per ciascuna delle nostre violazioni degli obblighi, compresa la consegna di merci difettose, l'acquirente ha generalmente i diritti a lui concessi dal codice civile tedesco (BGB).

5. Cessione dei diritti di garanzia

Eventuali richieste di garanzia nei confronti di produttori o fornitori vengono cedute all'acquirente se, e nella misura in cui, le merci non sono state prodotte da noi. In caso di richiesta di garanzia, l'acquirente è tenuto a far valere prima i propri diritti nei confronti di produttori o fornitori. Può far valere rivendicazioni di garanzia nei nostri confronti solo non appena e nella misura in cui ha fatto valere senza successo le sue pretese nei confronti di produttori o fornitori. Tuttavia, l'acquirente è quindi obbligato a restituire i diritti di garanzia al venditore.

6. Periodi di garanzia

Concediamo inoltre una garanzia di soli sei mesi sulle nuove merci.

7. Limitazioni di garanzia

Se l'acquirente fa valere i diritti di garanzia nei nostri confronti, inizialmente ha solo il diritto a prestazioni successive, vale a dire a sua discrezione il diritto di porre rimedio al difetto o consegnare merci prive di difetti o di fornire un servizio o un lavoro privo di difetti. Sosterremo le spese necessarie per le prestazioni successive, in particolare i costi di trasporto, manodopera e materiali. Il diritto a prestazioni successive è escluso se ciò è possibile solo con costi sproporzionati. In caso di prestazioni supplementari prive di difetti, potremmo richiedere la restituzione della merce difettosa o di altre consegnate come parte di un servizio o di un lavoro.

L'acquirente può considerare una rettifica come fallita solo dopo il secondo tentativo.

Solo se la prestazione supplementare è fallita, l'acquirente può recedere dal contratto o ridurre la remunerazione concordata o il prezzo di acquisto concordato, nonché richiedere danni o rimborsi di spese inutili. Nel caso della prestazione di un servizio di lavoro, l'acquirente può invece anche porre rimedio al difetto a sua discrezione e chiedere il rimborso delle spese necessarie.

Oltre ai diritti di cui sopra, l'acquirente ha anche i diritti derivanti da una garanzia aggiuntiva, alle condizioni specificate nella garanzia e nei confronti della persona che ha concesso la garanzia. Questo può anche essere il produttore.

8. Periodo di dichiarazione nei casi di garanzia

Se, dopo il fallimento della prestazione supplementare, l'acquirente dichiara che sta facendo valere il recesso o la riduzione, deve dichiarare su richiesta, entro un termine di due mesi, se desidera anche far valere il risarcimento dei danni o delle spese. Se l'acquirente lascia scadere il termine senza dichiararsi, perde il diritto di chiedere il risarcimento dei danni o delle spese.

Nel caso in cui, dopo il fallimento della prestazione supplementare, l'acquirente dichiara solo di richiedere il risarcimento dei danni o delle spese, deve dichiarare su richiesta, entro un termine di due mesi, se desidera conservare o restituire la merce consegnata. Se l'acquirente lascia scadere il termine senza dichiararsi, perde il diritto di restituire la merce.

9. Obbligo di denuncia dei difetti; periodi di garanzia

Se l'acquisto è una transazione commerciale per entrambe le parti, l'acquirente deve ispezionare la merce immediatamente dopo la consegna da parte del venditore, nella misura in cui ciò sia fattibile nel normale corso degli affari e, se si manifesta un difetto, informare immediatamente il venditore per iscritto. Se l'acquirente non notifica, la merce si considera approvata, a meno che non si tratti di un difetto che non era riconoscibile durante l'ispezione.

Se tale difetto si manifesta in seguito, la notifica deve essere effettuata immediatamente dopo la scoperta; in caso contrario, la merce si considera approvata anche in considerazione di tale difetto.

Quest'ultimo si applica anche in particolare nel caso in cui l'acquirente che ha rivenduto i beni abbia dovuto riprendere in carico un articolo di nuova fabbricazione a causa del suo difetto o il prezzo di acquisto sia stato ridotto, presso la quale catena di consegna il cliente finale è un consumatore.

10. Limitazione o esclusione di responsabilità

Nella misura in cui nei presenti termini e condizioni generali, la responsabilità civile è esclusa o limitata, ciò vale anche per la responsabilità personale degli agenti vicari e agenti ausiliari nonché dei rappresentanti.

In caso di difetti dei materiali, saremo responsabili solo per dolo e colpa grave, a meno che il difetto non sia stato fraudolentemente nascosto, sia stata assunta una garanzia per la qualità dell'articolo o il danno si basi su una violazione gravemente negligente o intenzionale del dovere. La limitazione di responsabilità non si applica in caso di danni derivanti da lesioni alla vita, al corpo o alla salute.

Anche in altri casi, siamo responsabili solo per dolo e colpa grave, a meno che il danno non sia basato su lesioni alla vita, all'incolumità fisica o alla salute o sia stato assunto un obbligo di responsabilità nel senso di una garanzia.

11. Riserva di proprietà

La merce consegnata diventa di proprietà dell'acquirente solo quando ha pagato il prezzo per intero della merce in questione e anche tutti i reclami derivanti dal rapporto commerciale in corso, nella misura in cui tali reclami derivano dalla consegna della merce. Tuttavia, l'acquirente ha il diritto di trasferire la proprietà dei beni consegnati non appena e nella misura in cui il prezzo di acquisto della merce consegnata supera il 50% della somma dei crediti derivanti dal rapporto commerciale in corso; la selezione dei titoli da trasferire è a carico del venditore. (riserva di proprietà estesa)

Se l'acquirente è un commerciante, continua ad applicarsi quanto segue:

Qualsiasi lavorazione o trasformazione della merce sarà sempre effettuata per il proprietario riservato prima del momento del trasferimento della proprietà dopo il pagamento (vedi precedente paragrafo). Se la merce viene trasformata in un nuovo articolo insieme ad altri articoli, noi, in qualità di proprietario riservato, acquisiamo la comproprietà dell'articolo nel rapporto tra il valore della merce consegnata e gli altri articoli lavorati al momento del contratto. Se noi, in qualità di proprietario riservato, acquisiamo la (co-)proprietà dell'articolo fabbricato in questo modo, trasferiremo questa (co-)proprietà dell'articolo fabbricato al cliente dopo il pagamento della merce consegnata; a tal fine, viene dato in anticipo il consenso espresso al trasferimento della proprietà risultante dal pagamento.

Nonostante il fatto che l'acquirente non abbia ancora acquisito la proprietà dei beni a causa della riserva di proprietà, ha il diritto di rivendere e cedere i beni secondo il normale corso degli affari. In cambio, con la presente, cede a noi tutti i crediti che gli derivano dalla rivendita o da qualsiasi altro motivo legale contro i suoi clienti o contro terzi, inclusa l'IVA. L'acquirente è autorizzato a riscuotere i crediti purché rispetti i suoi obblighi di pagamento in conformità con il contratto, in particolare non vi è alcuna cessazione del pagamento e non è stata presentata alcuna domanda per l'apertura della procedura concorsuale. Se si è verificata una di queste ultime circostanze, l'acquirente deve, su richiesta, fornire tutte le informazioni necessarie per riscuotere i crediti ceduti, consegnare i documenti associati e notificare la cessione ai debitori interessati (terzi, acquirenti dell'acquirente). (riserva di proprietà estesa)

12. Clausola salvatoria

Qualora singole disposizioni delle presenti Condizioni Generali non siano giuridicamente efficaci in tutto o in parte o diventino giuridicamente inefficaci, ciò non pregiudicherà l'esistenza e la validità del rapporto giuridico e delle restanti disposizioni delle presenti Condizioni Generali. Lo stesso vale per altre singole disposizioni contrattuali.

Nei suddetti casi, le parti si impegnano a sostituire ogni singola disposizione inefficace con quelle che, se legalmente possibile, si avvicinano di più allo scopo economico perseguito dalle disposizioni inefficaci, tenendo conto degli interessi espressi nel rapporto giuridico. Solo se una rettifica non è legalmente possibile, si applicano le disposizioni di legge.

it_ITItalian